BFMR & PARTNER :: Home
  HOME     CHI SIAMO     SERVIZI     AREA RISERVATA     SCADENZIARIO     CONTATTI     LAVORA CON NOI     DOVE SIAMO     LINKS    
ART GALLERY
 

FAUSTO DE NISCO - 01 dicembre 2017

Intrichi e radure nel bosco della pittura                       

I dipinti di Fausto De Nisco (Sassuolo, 1951) sono una sfida persistente a chi pensi di poterne immediatamente cogliere la bellezza e il senso attraverso uno sguardo fuggevole e sommario. Le linee che in un punto s’intrecciano e in un altro divergono, andando a formare geometrie della più varia ampiezza e natura, i colori, accostati con perizia, che trapassano da un punto, s’inabissano nel nulla e poi riaffiorano in un'altra parte del dipinto, le figurazioni che qua e là paiono germinare e prendere forma, per presto svanire e dissolversi in qualche lampo tonale: tutto concorre a definire le opere di De Nisco come luoghi di un mistero e di una rivelazione che, per coglierne qualche lacerto della genesi e dell’essenza segrete, esigono che si ripercorrano i sentieri lungo i quali si è inoltrato l’artista e si ricostruiscano le mappe che lui ha tracciato. De Nisco, riprendendo e sviluppando alcune esperienze della pittura europea ed americana del secolo scorso, parte, nella realizzazione dei suoi dipinti, da un nucleo, figurativo o geometrico, dal quale germinano e si dipartono liane che vanno a insediarsi in un’altra parte dell’opera, dando vita a una sorta di bosco in cui s’alternano intrichi e slarghi, viluppi e radure. L’arcipelago di isole che così si va formando è generato da suggestioni che attingono alla memoria personale dell’artista, alle sue passioni pittoriche, letterarie e musicali, all’innata e via via conquistata sensibilità per i rapporti, fondati sull’alternanza di equilibri e di scarti improvvisi, tra segni, forme, colori.

Occorre dunque, guardando un dipinto di De Nisco, farsi lentamente conquistare dal fascino che emana e ripercorrere le rotte che l’artista ha battuto, per giungere alle scoperte che ha disseminato nel corpo dell’opera e per rivisitare i portolani che si è costruito, in un esercizio che immediatamente coinvolge e smuove i nostri ricordi e le memorie di ciò che abbiamo introiettato nel percorso, ancora breve o ormai lungo, accidentato o apparentemente levigato, della nostra esistenza.

Sandro Parmiggiani

Clicca sulle immagini per ingrandirle

» Scarica la locandina | » Visualizza la mostra | « Visualizza la lista


Le altre art galleries:
ANDREA SAMARITANI - 04 maggio 2018 | GIUSEPPE MARIA CODAZZI - 12 maggio 2017 | ALESSANDRA BININI - 02 dicembre 2016 | ERMANNO FORONI - 13 maggio 2016 | DOMENICO GRENCI - 04 dicembre 2015 | CARLO VANNINI - 08 maggio 2015 | STANISLAO FARRI - 16 maggio 2014 | CORRADO TAGLIATI - 29 novembre 2013 | LUCA GILLI - 10 maggio 2013 | CARLO FERRARI - 30 novembre 2012 | MARCO PAOLI - 18 maggio 2012 | GIULIANO DELLA CASA - 02 dicembre 2011 | RICHARD B. DATRE - 13 maggio 2011 | RICCARDO VARINI - 03 dicembre 2010 | TONI CONTIERO - 16 aprile 2010 | WAL - 16 ottobre 2009 | NADIA ROSATI - 30 novembre 2008 | ANGELO DAVOLI - 11 aprile 2008 | NANI TEDESCHI - 30 novembre 2007 | CARLO MASTRONARDI - 28 giugno 2007 | DANIELE VEZZANI - 02 marzo 2007 |
LE MOSTRE
ART GALLERY
Il sito web di BFMR & Partners non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Per saperne di pił
Accetto